#04 La pausa di auto compassione

In questi tempi particolarmente incerti, la pratica dell'auto compassione è un ottimo antidoto al senso di isolamento e allo stress.. 

Di fronte alle sfide che il mondo ci presenta, tendiamo generalmente a aumentare la pressione su di noi stessi. La nostra cultura, la pubblicità, la competizione, le aspettative dei nostri cari ci spingono a farci credere di non essere mai abbastanza, che non ci diamo abbastanza da fare o che siamo meno capaci di altri di avere successo nella nostra vita. Tutto questo ci fa sentire più isolati, meno felici e più stressati. In questi tempi particolarmente incerti, la pratica dell'auto compassione è un ottimo antidoto al senso di isolamento e allo stress.. 

COS'È UNA PAUSA DI AUTO COMPASSIONE COS'È?

Meditazione della settimana

L'idea è quella di sostituire una reazione stressante (quella dell'autocritica) con una risposta più compassionevole che dia conforto e rassicurazione.. 

Kristin Neff è una delle principali esperte nello studio dell'auto compassione, che lei definisce attraverso 3 elementi

  1. Consapevolezza: fare un passo indietro e riconoscere la difficoltà in cui ci troviamo, senza giudicarci. Spesso facciamo fatica a riconoscere che stiamo soffrendo perché questo ci fa sentire deboli e sconfitti. Questo è un ben lontano dal pensiero positivo che tende a soffocare le emozioni difficili.

  2. Umanità condivisa: Il rendersi conto che ciò che sentiamo o sperimentiamo è qualcosa che viene vissuto anche da migliaia o milioni di altre persone ci permette di alleviare i nostri sentimenti di isolamento e di solitudine.

  3. Gentilezza verso se stessi: Un modo diretto di prenderci cura di noi stessi e del nostro benessere che può aiutarci a chiarire anche le nostre intenzioni positive verso noi stessi.

Vedo cosa vi state chiedendo... Ma tutto questo non porta alla pigrizia? All'autocompiacimento?

La ricerca scientifica condotta da Kristin Neff dimostra il contrario. Le persone che praticano l'auto compassione hanno meno paura del fallimento e sono più motivate a continuare lo sforzo nel tempo.

GLI EFFETTI DELLA PRATICA DELL'AUTO COMPASSIONE

Gruppo Facebook di 40% più felice

La ricerca sulla pratica dell'auto compassione suggerisce che le persone che si trattano con compassione piuttosto che con delle critiche nei momenti difficili si trovano in una migliore salute fisica e mentale.

Gli studi hanno dimostrato che la pratica dell'auto compassione ha i seguenti effetti:

  • aumenta la motivazione

  • aumenta la sensazione di benessere (felicità)

  • migliora l'immagine del corpo

  • aumenta il valore di sé 

  • sviluppa la resilienza

  • migliora la salute mentale riducendo l'ansia, la depressione e lo stress.

Praticare l'auto compassione consente di migliorare l'autostima perché ci costringe a prenderci veramente cura di noi stessi e dei nostri bisogni, due elementi molto importanti per riprendersi dopo un periodo difficile.

Secondo la ricerca di Kristin Neff, le persone con un alto livello di autocompassione hanno in comune i seguenti 3 comportamenti:

  1. Gentili piuttosto che giudizio di fronte ai propri errori o carenze

  2. Riconoscimento che il fallimento fa parte della vita di tutti

  3. Un atteggiamento più equilibrato nei confronti delle emozioni negative che provano quando sperimentano il fallimento personale, accettando di sentirsi male senza essere sopraffatti.

La buona notizia è che tutti questi comportamenti possono essere coltivati e sviluppati. 

COME SI FA PRATICA?

Praticare l'auto compassione in 5 passaggi

  1. Fate appello a una situazione nella vostra vita che trovate difficile o stressante.

  2. Cosa sentite pensando a questa situazione? Riuscite ad identificare le emozioni che emergono? Riuscite a nominarle (paura, ansia, tristezza, tristezza, rabbia, dispetto, ...ecc.)? Sentite queste emozioni nel vostro corpo? Dove le sentite?

  3. Ora dite a voi stessi: "Questo è un momento difficile che mi fa soffrire". Puoi anche dirvi: "Mi fa male" o "Mi fa soffrire". Questo è un modo per prendere coscienza di ciò che sta accadendo, senza esprimere un giudizio positivo o negativo su come ci si sente.

  4. Continuate dicendo a voi stessi: "Le difficoltà e le sofferenze fanno parte della vita, tutti le sperimentano" o "non sono l'unico a passarci", o "tutti passano momenti difficili a volte".  È un modo per connettersi con gli altri e sviluppare un sentimento di connessione.

  5. Infine, mettete le mani sulla zona del cuore. Sentite il suo calore e il battito mentre dite "Posso essere gentile con me stesso" o "Posso accettare me stesso così come sono" o "Posso perdonarmi per i miei errori" o "Posso avere la pazienza necessaria". È un modo per creare dolcezza nel rapporto con noi stessi.

PER ANDARE PIÙ’ IN LA’

La ricerca di base del 2013 sugli effetti della pratica delle cure auto compassionevoli: Scaricare il PDF (in inglese)

Partecipate al gruppo privato di Facebook per ricevere consigli e supporto dalla comunità e accedere al "live" settimanale gratuito (dovete utilizzare lo stesso indirizzo e-mail della newsletter).

Da leggere: 

  • La self-compassion. Il potere dell'essere gentili con se stessi, Kristin Neff, G. Siddu Pilia (trad)

Scaricate la meditazione della settimana sull'auto compassione

LA MEDITAZIONE DELLA SETTIMANA

Meditazione di auto compassione